Speciale Sposi

 

Bora Bora, Moorea, Rangiroa, Tahiti, solo a nominarle si evocano paradisi da sogno. Centinaia di isole incantate raggruppate in cinque arcipelaghi nell'angolo più remoto dell'Oceano Pacifico a circa seimila chilometri a est dell'Australia. Isole ricche di bellezze naturali, lontane anni luce dalla nostra modernità e dalle nostre abitudini, ma inesorabilmente presenti nelle fantasie di ognuno di noi. Qui il clima è mite tutto l’anno e questa è solo una delle numerose ragioni che fanno della Polinesia Francese la meta ideale per le vacanze in ogni stagione.

 

Gli arcipelaghi offrono una grande varietà di paesaggi e caratteristiche e ogni isola è un mondo a sé. Le isole-icona della Polinesia Francese, le più rinomate fra le 118 che ne fanno parte, sono Tahiti, con la capitale Papeete, cuore pulsante della vita polinesiana. Moorea, verde e lussureggiante, paradiso per gli amanti dell’eco-turismo. Bora Bora, celebre per gli incredibili colori dei fondali, per la ricchezza della fauna marina e per i numerosi piccoli motu che la circondano. Accanto a queste, esistono tantissime isole ancora poco toccate dagli itinerari di viaggio classici, dove immergersi nella più autentica ospitalità e atmosfera polinesiana. Come Huahine, nell’arcipelago della Società, con il fascino antico dei suoi marae, gli antichi siti archeologici o come l’atollo incantato di Manihi, famoso per le perle nere, nell’arcipelago delle Tuamotu.

 

 

La Polinesia è anche la meta preferita degli amanti degli sport fuori dal comune. Una volta l'anno i surfisti di tutto il mondo si danno appuntamento a Tahiti per affrontare onde altissime, nella speranza di trovarsi faccia a faccia con l'onda del secolo. Nel mese di novembre, invece, è la volta di Hawaiki Nui Va’a, la gara con le piroghe come ai tempi del popolo Maohi. Tra le acque cristalline delle Isole Sotto Vento, Huahine, Raiatea, Taha’a e Bora Bora, si sfidano centinaia di rematori provenienti da tutto il mondo.